Arriva il prestito che azzera le spese

0
206

Sono tanti i motivi per richiedere un prestito. Che si tratti di una spesa improvvisa, o della volontà di dilazionare nel tempo un pagamento, poter contare su una linea di credito alternativa è senza dubbio un vantaggio.

Il mercato creditizio offre infatti soluzioni di accesso al credito sempre più convenienti e adatte a ogni esigenza. Il risultato è che sono ogni giorno di più gli italiani che richiedono un finanziamento, non soltanto in situazioni di emergenza, ma anche per pianificare in modo più efficace il bilancio familiare, senza mettere mano ai risparmi. L’altra faccia della medaglia è però il moltiplicarsi di offerte e comunicazioni promozionali, che possono complicare la scelta del prodotto ideale.

La difficoltà principale riguarda la mancanza di chiarezza su costi e condizioni, che obbliga a dover decifrare le scritte in piccolo e a padroneggiare la conoscenza di diverse sigle, come TAN (Tasso annuo Nominale) e TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), che possono mettere in difficoltà i non addetti ai lavori. Questi indicatori sono però fondamentali per conoscere i costi reali di un prestito, che non includono soltanto il tasso di interesse, ma anche oneri accessori da versare per ottenere il finanziamento richiesto e che possono comprendere, ad esempio: le spese di istruttoria (o apertura pratica), le spese di gestione, assicurazioni e commissioni degli agenti. Proprio per questo, a partire dal 2003, è diventata obbligatoria l’indicazione del TAEG, Tasso Annuo Effettivo Globale, nato per informare i consumatori sul costo complessivo di prestiti e mutui, che non ha tuttavia risolto completamente il bisogno di chiarezza e trasparenza.

Ci sono però buone notizie per chi è a caccia di un finanziamento che sia, al tempo stesso, conveniente e facile da “leggere”. Grazie alla nuova Offerta Zero Spese di Prestiter, confrontare il costo globale di un prestito è finalmente alla portata di tutti. Questa nuova formula dedicata a lavoratori dipendenti e pensionati azzera completamente tutti i costi anticipati. In questo modo anche gli indicatori diventano facili da leggere e confrontare, perché senza spese accessorie il TAN finisce quasi per coincidere con il TAEG (restano fuori solo le 18€ dell’imposta di bolla). Ecco le caratteristiche vincenti dell’offerta Zero Spese:

  • niente costi di istruttoria e gestione pratiche;
  • niente commissioni;
  • fino a 75.000 euro con piani da 2 a 10 anni;
  • tasso fisso per tutta la durata del piano;
  • rate leggere, che non superano mai il 20% del reddito mensile netto;
  • pagamenti automatici attraverso trattenute dallo stipendio, o dalla pensione;
  • non servono garanti o ipoteche.

Grazie a diverse convenzioni siglate con INPS, MIUR e NoiPA, l’Offerta Zero Spese permette di ottenere tassi agevolati, concordati direttamente con i rispettivi enti, e la gestione telematica delle pratiche taglia i tempi morti e velocizza le erogazioni.

È possibile sottoscrivere l’Offerta Zero Spese da tutta Italia, anche senza uscire di casa. L’utilizzo della firma digitale permette infatti di ottenere subito il credito richiesto in totale sicurezza, rispettando le norme di comportamento e le precauzioni imposte dal distanziamento sociale. Vuoi ricevere più informazioni o richiedere un preventivo su misura? Contatta Prestiter per conoscere tutti i vantaggi del Prestito Zero Spese.