Prestiti finalizzati e non finalizzati: la Cessione del Quinto

0
21

Nella vita arriva un momento in cui ci si rende conto di voler concretizzare sogni e progetti ma, purtroppo, non si hanno i mezzi economici per procedere. Parlandone con gli amici o bazzicando su internet si entra subito a conoscenza dei due grandi tipi di prestiti personali: i prestiti finalizzati e i prestiti non finalizzati.

I prestiti finalizzati sono finanziamenti accesi presso rivenditori di beni o di servizi in modo da rendere il costo totale di acquisto dilazionato per mezzo di rate. Quindi la somma di denaro erogata deve esclusivamente essere spesa per l’acquisto del tale bene o servizio. In questo caso il negoziante, che ha già accordi con una finanziaria, riceve una provvigione ad ogni cliente procacciato, proprio in virtù di un accordo con la finanziaria stessa.

L’importo, in tal modo, viene direttamente erogato al negoziante e non al cliente e fa parte di un contratto di prestito relativo al bene acquistato a rate.

I prestiti non finalizzati, invece, sono finanziamenti accesi presso banche o finanziarie, in cui l’importo viene erogato direttamente al richiedente sul conto corrente oppure tramite assegno. Il cliente potrà decidere liberamente cosa utilizzare il denaro ricevuto senza dover fornire alcuna specifica motivazione.

Il prestito non finalizzato è, dunque, un prestito flessibile per cui non è necessaria alcuna documentazione che attesti il bene o il servizio per cui si richiede il prestito. Non vi è alcun intermediario in quanto l’importo viene erogato direttamente al richiedente che ha massima libertà d’azione. Il rimborso inoltre avviene a tasso fisso tramite Rid bancario. Non richiedere una garanzia (per esempio un’ipoteca) ma spesso può richiedere un garante o un’assicurazione.

Emerge chiaramente come il prestito non finalizzato abbia moltissimi vantaggi. Ancora di più se si sceglie, nello specifico, la cosiddetta Cessione del Quinto. Affidandosi ad una finanziaria specializzata in Cessione del Quinto sarà possibile in maniera semplice e veloce riuscire ad avere la somma adeguata per la realizzazione dei propri progetti.

La Cessione del Quinto è un prestito con tasso fisso che prevede l’addebito della rata direttamente sulla busta paga o l’assegno pensionistico. Può essere dunque richiesto da dipendenti pubblici, statali, privati o da pensionati INPS o ex pensionati INPDAP; è necessaria solo una busta paga fissa o un assegno pensionistico.

L’invio della documentazione necessaria avviene in modo veloce attraverso e-mail o whatsapp e subito dopo la firma del contratto sarà possibile disporre del denaro richiesto accreditato su conto corrente oppure per mezzo di assegni. Durante tutto il processo si potrà essere seguiti da un consulente che avrà lo scopo di rendere chiaro e trasparente ogni passaggio della richiesta del prestito. L’importo della rata viene scelto in maniera del tutto personalizzata e cucita su misura in base ai progetti da realizzare, al lavoro svolto e  in modo da non gravare particolarmente sulle finanze del richiedente. Una rata leggera, tollerabile e soprattutto di cui non preoccuparsi! Ebbene sì, non più bollettini o scadenze incombenti! Con la Cessione del Quinto la rata verrà detratta automaticamente dalla busta paga o dall’assegno pensionistico mese dopo mese, fino a un massimo di un quinto dello stipendio netto (per l’appunto “Cessione del Quinto”!). Le finanziarie specializzate nella Cessione del Quinto fanno in modo che all’interno della rata del prestito sia presente anche la “quota assicurativa”; nel caso in cui il richiedente non riuscisse più a pagare la rata del prestito per motivi imprevisti (di lavoro o di salute) sarà l’assicurazione a estinguere i pagamenti restanti.

Facilità di richiesta, velocità d’avvio della pratica, chiarezza e trasparenza durante il procedimento rendono di grande importanza la scelta della società cui affidarsi; sarebbe opportuno, nello specifico, rivolgersi sempre a finanziarie specializzate esclusivamente nella cessione del quinto!